Trasferta in Emilia per un gemellaggio  di fatto e “di nome”
Un momento della visita in Emilia della delegazione di Vetto

Trasferta in Emilia per un gemellaggio

di fatto e “di nome”

Gli abitanti di Vetto di Lanzada a Vetto d’Enza «È un paese che si chiama come il nostro. Così finalmente siamo andati a conoscerlo»

Era da tempo che a Vetto di Lanzada era nota l’esistenza di un altro paese, di nome Vetto d’Enza, in provincia di Reggio Emilia. «Ne sentivamo parlare già da piccoli – racconta Mario Masa – Poi, la curiosità di saperne di più dei “cugini” emiliani si è fatta strada e qualche settimana fa abbiamo contattato direttamente il sindaco di quel paese». Il vero e proprio gemellaggio si è compiuto il 1° maggio. «In diciassette siamo partiti da Vetto di Lanzada in direzione Vetto d’Enza. Una volta in paese abbiamo ricevuto un’accoglienza incredibile – dicono - . Tanti abitanti si sono assiepati in centro per salutarci calorosamente. Ci hanno accompagnato in Municipio dove c’era il sindaco e tutta la sua Giunta, pronto a darci il benvenuto». «Siamo rimasti particolarmente colpiti dalla visita ad un grosso caseificio del posto che produce Parmigiano Reggiano doc – assicurano -, una cosa interessantissima, di grande impatto. In mezzo a tutte quelle grandi forme di formaggio, pluripremiate, ci siamo sentiti piccoli piccoli, ma felici.»

Tutti i particolari e le foto nell’edizione del 6 maggio del quotidiano La Provincia di Sondrio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (1) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Alessandro Lodi scrive: 09-05-2015 - 11:07h
Quante volte ho "visitato" il vostro Vetto su Google Earth. Ora , finalmente, ci siamo conosciuti...... Stupenda giornata, grazie ragazzi. (Lodi Alessandro presidente P.A. Vetto)