Teatro Sociale, avvio con “La Traviata”  Ma sarà una prima dimezzata
L’ingresso alla “prima” del Rigoletto dello scorso anno: il 1° ottobre sarà La Traviata ad aprire la stagione

Teatro Sociale, avvio con “La Traviata”

Ma sarà una prima dimezzata

L’appuntamento è per le 16 di domenica 1° ottobre. Il budget è limitato: niente spettacolo del sabato sera. Biglietti in vendita a partire dalla metà di settembre

Sarà ancora l’opera lirica ad aprire la stagione del Teatro Sociale, ma rispetto agli anni scorsi sarà una prima dimezzata. Di scena sarà “La Traviata” di Verdi, ma con una sola rappresentazione anziché le due repliche proposte sia nel 2015 per il “Barbiere di Siviglia”, sia lo scorso anno per il “Rigoletto”: il sipario si alzerà domenica primo ottobre alle 16 e non ci sarà lo spettacolo del sabato sera, a differenza degli anni precedenti. Una notizia che probabilmente non farà felici gli appassionati, visto che negli anni scorsi il Teatro Sociale aveva registrato il tutto esaurito per entrambe le repliche delle opere di Rossini e di Verdi: i biglietti per la prima 2017 saranno in vendita dalla metà di settembre, giorno più, giorno meno, e non è difficile prevedere una vera corsa al botteghino.

A fissare le linee guida per l’organizzazione della prima della stagione 2017-2018 è una delibera di giunta approvata in questi giorni, che per lo spettacolo inaugurale dell’annata indica un budget di 38mila euro: per le due repliche del “Rigoletto” - per fare un paragone - lo scorso anno il Comune aveva stanziato 78mila euro, utilizzando risorse proprie e fondi aggiuntivi provenienti da bandi e contributi.

«Con le nostre forze riusciamo a proporre una sola rappresentazione – spiega l’assessore alla Cultura del Comune Marina Cotelli -, anche valutando gli incassi degli anni precedenti. Dovendo decidere per una sola data, abbiamo optato per la rappresentazione pomeridiana della domenica per fare una scelta il più possibile aperta, che dia la possibilità di partecipare più tranquillamente anche a chi arriva da fuori Sondrio o non ama fare molto tardi la sera. Sarà una prima accessibile, anche rispetto al prezzo dei biglietti».

I costi previsti dalla delibera vanno infatti dai 20 ai 45 euro a poltrona, a seconda della collocazione: il costo più alto è per le prime file, mentre nella seconda parte della platea i ticket costeranno 40 euro, che scendono a 30 euro a poltrona per la prima galleria. In seconda galleria il prezzo sarà di 20 euro, mentre i posti a visibilità limitata in prima galleria saranno in vendita a 15 euro ciascuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA