Prosnow all’esordio, neve programmata  senza più sbagliare
Innevamento programmato all’avanguardia a Livigno

Prosnow all’esordio, neve programmata

senza più sbagliare

Livigno, l’Apt partecipa all’innovativo progetto europeo. Moretti: «Potremo fornire la tendenza meteo di 10 giorni e avere previsioni sicure con tre giorni di anticipo».

Livigno, che aprirà l’anello di sci di fondo il 15 ottobre, si conferma all’avanguardia sul fronte turistico legato agli sport della neve. Farà il suo esordio il nuovo strumento, frutto di un progetto internazionale, capace di offrire previsioni meteo precise di supporto alle stazioni sciistiche.

La stagione invernale alle porte permetterà dunque agli operatori del Piccolo Tibet di avere delle certezze in più sulle precipitazioni e sulle temperature per ottimizzare la produzione di neve artificiale. «Con tre giorni di anticipo avremo previsioni meteo attendibili al 100% - dice il presidente di Apt Livigno, Luca Moretti-. Grazie ad un’analisi precisa sulle condizioni meteo di Livigno e alle sue peculiarità climatiche con questo servizio daremo una mano notevole allo Skipass e a Mottolino e Carosello, che sapranno con anticipo come e dove operare nell’innevamento artificiale delle piste. Se l’infallibilità del sistema fosse confermata dalle prime prove, già nel corso dell’inverno la nostra offerta promozionale turistica potrebbe approfittarne anticipando al turista la tendenza delle condizioni meteo, di neve e climatiche, che troverà nell’arco di una decina di giorni».

Una rivoluzione che ha un nome preciso: progetto Prosnow, coordinato da Météo-France con 12 partner europei, che mira a sviluppare un servizio di supporto alla decisione per le stazioni sciistiche, basato su previsioni meteorologiche (più giorni) e al contempo stagionali (diversi mesi). Si tratta di un nuovo strumento che fornirà informazioni meteo direttamente utilizzabili dagli operatori insieme ad informazioni specifiche sulle incertezze delle previsioni. Otto stazioni pilota nelle Alpi di Francia, Italia, Austria, Svizzera e Germania contribuiranno alla messa a punto del servizio e a  testarlo.

La riunione di lancio del progetto Prosnow si sta tenendo proprio in questi giorni a Grenoble, con la presenza di tutti i partner. «Rispetto al passato avremo dati più precisi perché sono riferiti esclusivamente a Livigno - dice Moretti -. È un progetto che non ci costa nulla perché rientra nei 25mila euro annui che investiamo per il progetto freeride partito nella stagione 2013. Apt Livigno ha fornito i dati che aveva raccolto in passato grazie ad uan società che fa parte di Apt e lavora al progetto. Con le indicazioni di Prosnow, per fare un esempio, gli impiantisti potranno decidere di sparare sulla pista di fondo piuttosto che in cima alla montagna a seconda della tendenza meteo».

Il progetto Prosnow lanciato nel settembre 2017, durerà 3 anni. È stato presentato in risposta al bando di gara Horizon 2020 della Commissione Europea “Un’economia più verde”, associato alla sfida sociale 5 “Azione climatica, ambiente, efficienza delle risorse e materie prime”, con obiettivi di ricerca basati sul mercato dei servizi climatici.

Oltre alle previsioni del tempo di ultima generazione, il progetto si baserà anche sui nuovi servizi di previsioni stagionali, sviluppati a livello europeo nell’ambito del programma Copernicus Climate Change Services (C3S). Météo-France coordina Prosnow, che include anche Tec, azienda di consulenza che ha contribuito alla nascita del consorzio e del progetto, partner provenienti dal mondo accademico, leader europei sui temi della neve e della montagna, partner accademici ed industriali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA