Piastra, progetti esecutivi pronti a Sondrio  Ma manca ancora la firma
Anche la sistemazione di via Maffei nel “pacchetto” Piastra

Piastra, progetti esecutivi pronti a Sondrio

Ma manca ancora la firma

Il Comune è ancora in attesa di sottoscrivere la convenzione col Governo per dare l’avvio ai lavori.

La modifica al programma delle opere pubbliche, per inserire i progetti previsti sul bando per le periferie - “La Piastra: sicurezza e qualità della vita nel verde”- è stata presentata in commissione e andrà in discussione venerdì sera in consiglio comunale, gli esecutivi degli interventi sono pressoché tutti pronti - proprio in questi giorni la giunta ne ha approvati altri due -, a mancare - ancora - è una data certa per la firma della convenzione tra il sindaco Alcide Molteni e il Governo, atto necessario per dare l’avvio agli appalti e quindi ai cantieri.

Dopo le prime ventiquattro convenzioni firmate a marzo a valere sui 500 milioni della legge di stabilità approvata a dicembre 2015 e la conferma a luglio da parte del Cipe dei fondi anche per gli altri progetti (quello di Sondrio si è classificato al quarantunesimo posto) dunque non resta che attendere il via libera da Roma, dove però si è parlato di una priorità a città metropolitane e realtà del sud. Una beffa per il Comune di Sondrio che ha già tutte le carte in regola per partire.

Il Comune ha chiesto poco meno di 12 milioni di euro al Governo su un totale di 16,8 milioni di interventi per la sistemazione del quartiere della Piastra attraverso diverse iniziative: un orto giardino aperto a tutti in via Giuliani, la ristrutturazione della scuola materna di via Gianoli, il rifacimento della pista ciclabile sulle vie Giuliani e Gramsci, un parco pubblico (con parcheggio) in via Del Cugnolo, la riqualificazione di via Maffei con pista ciclabile e filari di alberi, una passerella ciclopedonabile in affaccio sul Mallero in via Torelli, la sistemazione dei vialetti nella zona della pista di pattinaggio, di rete wi-fi e di un impianto di videosorveglianza collegato con le centrali operative della Polizia locale, della Questura e del comando provinciale dei Carabinieri e la realizzazione di una passerella sul Mallero verso il parco Bartesaghi. Un’opera quest’ultima che da sola vale 3,3 milioni di euro.

Come detto nei giorni scorsi la giunta ha approvato altri due interventi compresi nel pacchetto: la sistemazione dell’area verde e del parcheggio presso la residenza per anziani in via del Cugnolo e la riqualificazione complessiva di via Maffei. Due interventi corposi anche da un punto di vista economico: 950mila euro per il primo, con il progetto elaborato dall’architetto Andrea Forni e mezzo milione per il secondo, sulla base del piano predisposto dall’architetto Giovan Battista Bonomi, con la collaborazione del geometra Giorgio Beraldo per il Piano di sicurezza e coordinamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA