Parata delle mucche dimezzata a Chiareggio

Parata delle mucche dimezzata a Chiareggio

Solo cinque le “belle” della Valmalenco. Un po’ per il maltempo, un po’ per qualche mugugno degli allevatori di Lanzada perché «vincono sempre quelli di Chiesa», la partecipazione alla Festa dell’Alpeggio è stata ridotta rispetto allo scorso anno, quando le “miss” erano state nove.

La “magnifica cinquina”, bardata come di consueto con grande fantasia, nastri, oggetti tipici, colori vivaci, avanza con sussiego per la strada principale, preceduta dalla banda della Valmalenco, tra due ali di folla, molti hanno appena votato per assegnare l’Oscar.

Che va, con 291 preferenze su 887 voti espressi, a “Gnoca”, bruna italiana di nove anni, peraltro in stato di avanzata gravidanza, di proprietà del caricatore Alberto Lenatti e in gara per i colori dell’azienda agricola Il Cornetto di Maria Pia e Fabio Nani, all’alpe Campagneda. Di Lanzada.

«Al di là di premi e classifiche - dice Dario Ruttico, assessore della Comunità montana di Sondrio -, questa manifestazione vuole essere il riconoscimento concreto ad un lavoro importante per l’economia provinciale, che si svolge spesso con grandi sacrifici ma sta anche richiamando parecchi giovani a far vivere la montagna e a trovarvi una remunerazione adeguata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA