Olimpiadi invernali, la Valtellina ci crede

Olimpiadi invernali, la Valtellina ci crede

All’indomani della dichiarazione del presidente del Coni Giovanni Malagò che ha detto che Milano e la provincia di Sondrio hanno le carte in regola per ospitare un’edizione delle olimpiadi invernali, i rappresentanti istituzionali provano a rilanciare.

«È una splendida notizia che riconosce alla nostra terra la capacità, la competenza e l’affidabilità per una sfida così importante - dice il presidente della Provincia Luca Della Bitta -. Noi ci siamo e siamo pronti e a completa disposizione del Coni e del presidente Malagò per lavorare insieme a questo obiettivo».

Della Bitta ricordando come sia stato per primo il presidente della Regione Maroni ad avanzare l’idea parla di «una notizia che dà coraggio alla nostra provincia, alla nostra economia. Siamo pronti a costruire un modello innovativo, attento al rispetto dell’ambiente, alle nostre montagne».

E di un’importante opportunità da cogliere all’insegna della sostenibilità - ambientale ed economica - dice anche il sindaco di Sondrio Alcide Molteni: «Se riuscissimo a dare un’impronta particolare all’organizzazione di un tale evento, allora si tratterebbe davvero di una grande possibilità. Di una vetrina di prim’ordine anche per un modello di gestione territoriale».

Un coro di entusiasta cui si aggiunge la voce del presidente della Camera di commercio di Sondrio Emanuele Bertolini: «La Valtellina ha le competenze per fare la propria parte, come già fatto per due edizioni dei Mondiali di sci. La possibilità di essere sede delle gare olimpiche ci consentirebbe di abbinare il nostro brand a quello di Milano, una delle città più attrattive del pianeta. Per questo assicuriamo da subito la nostra disponibilità ed il nostro supporto al presidente del Coni ed auspichiamo che la candidatura possa essere formalizzata e quindi giungere a buon fine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA