Mense nelle scuole di Sondrio  Niente uova di galline in gabbia
Novità nelle mense sondriesi

Mense nelle scuole di Sondrio

Niente uova di galline in gabbia

L’azienda gestore del servizio annuncia come da 1 marzo sia stato raggiunto l’obiettivo inserito in un percorso.

Per i piatti serviti nelle mense scolastiche di Sondrio non vengono più utilizzate uova provenienti da galline allevate in gabbia, in nome dell’attenzione alla qualità e anche «al benessere animale».

Ad annunciarlo è la Dussmann service, l’azienda che dallo scorso anno gestisce il servizio di ristorazione scolastica per gli istituti del capoluogo: dal 1 marzo, spiegano dalla società, «il 100% delle uova acquistate dai fornitori proviene da allevamenti di galline ovaiole non allevate in gabbia, ma terra, all’aperto o in aziende biologiche».

L’obiettivo è stato raggiunto per gradi, segnala una nota della società, incrementando man mano la percentuale di uova provenienti da animali non allevati in gabbia: complessivamente Dussmann ogni anno acquista «1,6 milioni di uova e 107mila chili di ovoprodotti», che vengono impiegati nei servizi di ristorazione collettiva gestiti dall’azienda in scuole, ospedali e altre strutture pubbliche e private.

Il progetto si inserisce in un impegno più ampio assunto dalla società su questo fronte, spiegano ancora dalla Dussmann: «Consideriamo il benessere animale parte integrante dei principi di responsabilità sociale che regolano le politiche e le decisioni aziendali – prosegue la nota -. L’obiettivo è intraprendere un percorso che possa portare l’azienda ad acquistare dai propri fornitori prodotti che nelle diverse filiere e in tutte le fasi di produzione rispettino le pratiche responsabili per il benessere degli animali e dove possibile si spingano oltre gli standard previsti dalla legge». Per ciascuna filiera sono stati fissati obiettivi specifici, conclude la nota: il primo traguardo è stato raggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA