Sabato 30 novembre 2013

Luci e dischi volanti

Nuovi avvistamenti

Un Ufo immortalato sopra l’ex convento di San Lorenzo a Sondrio Un oggetto luminoso ripreso sopra piazzale Bertacchi in città L’avvistamento sopra la Imi Fabi, in Valmalenco Altra luce misteriosa nei cieli malenchi Due strani oggetti immortalati ancora in Valmalenco

Non è stato solo Ottavio Marangoni, gerente il rifugio Ponte di Lanzada, a notare l’oggetto volante non identificato che ha sorvolato i cieli di Sondrio e della Valmalenco lunedì, fra le 17.30 e le 19.30. Almeno altre sette persone hanno avvistato questa specie di disco volante luminoso e lo hanno immortalato in scatti, per lo più effettuati con Iphone e Android, che ci hanno fatto pervenire in redazione. Il primo risale alle 17.50 e ritrae una grossa palla luminosa, quella di cui ha già riferito su queste stesse colonne Marangoni, sospesa nel cielo sopra la zona di Piasci di Torre Santa Maria. Una “palla” luminescente e che cambiava di colore spesso passando dal blu, al rosso, al bianco, al bianco puntinato.

Dopodichè, un altro incredibile scatto arriva da Sondrio ed è datato 18.33, quando un cittadino ha ripreso questa strana presenza nel cielo proprio sopra piazzale Bertacchi, in zona stazione ferroviaria. Lo stesso oggetto, probabilmente, che, poi, alle 18.49, è stato fotografato in tre momenti diversi e sequenziali, mentre sfreccia sopra piazza Garibaldi in direzione Valmalenco.

La sequenza è stata scattata con uno Smartphone.

Solo un minuto dopo, alle 18.50, un’altra persona ha immortalato l’oggetto volante mentre sfreccia in zona Castel Masegra e, alle 18.58, il terzo scatto, da parte di una terza persona, presumibilmente dello stesso Ufo ripreso in zona Valdone.

Uno scatto spettacolare, peraltro, con tanto di scia luminosa a seguire. Ancora, l’immagine dell’oggetto volante, ritratto, stavolta, alle 19.05 e alle 19.10 mentre sorvola Torre Santa Maria e alle 19.26, mentre si trova sopra lo stabilimento Imi Fabi, sempre di Torre. Sia in quest’ultimo scatto sia in quello dell’oggetto nei pressi di Castel Masegra si vede bene la parte sottostante il disco, con alcuni grossi fori come fossero quelli di potenti motori. In una parola, materiale davvero incredibile, che non appare affatto “taroccato”, e che testimonia di questo continuo ripresentarsi di avvistamenti di oggetti strani nella zona da Sondrio alla Valmalenco, alla Valfontana. E’ del 22 scorso, peraltro, un’altra foto scattata a Chiesa intorno a mezzogiorno e che ritrae, sullo sfondo, a mezza costa, due specie di dischi volanti.

Ovvio che trovare esperti che diano credito a questi avvistamenti non è proprio cosa facile. Più semplice è minimizzare o ridicolizzare, ma chi vi assiste è ormai deciso a portare la propria testimonianza, almeno fotografica, ricorrendo a scatti da telefonino che possano avvalorare i loro racconti. L’unica testimonianza verbale raccolta, sul fenomeno, è quella di Ottavio Marangoni, che non ci ha fornito fotografie perché non aveva il materiale necessario con sé, ma la cui esposizione è stata molto chiara e, per così dire, in presa diretta.

C’è anche, ormai, chi si spinge oltre e arriva ad azzardare l’ipotesi che vi sia una strategia precisa, da parte di chi ci governa ai piani alti, a livello planetario, a non dar credito e valenza a questi fenomeni pur conoscendone la portata. In parecchi, peraltro, si interrogano circa il frequente passaggio in Valmalenco e in Valfontana, zona Pizzo Scalino, per intenderci, di aerei da caccia che pare transitino in missioni di addestramento. Ma c’è chi sostiene che questa non sia mai stata zona di addestramento.n 

© riproduzione riservata

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare