L’antimafia ha chiuso  un altro locale a Lecco
Il ristorante Cadorna 20

L’antimafia ha chiuso

un altro locale a Lecco

Misura interdittiva della Prefettura nei confronti del ristorante pizzeria Cadorna 20 sul lungolago, l’ex Chakra

Un altro locale è stato chiuso dal Comune in centro città in esecuzione di un’interdittiva antimafia trasmessa dalla Prefettura di Lecco: si tratta del ristorante Cadorna 20 che da un anno ha rilevato l’attività del ristorante pizzeria Chakra sul lungolario Cadorna.

E anche in questo caso, come nel precedente (il bar Cermenati, che poi ha comunque riaperto la sua attività), si è trattato di una misura assunta non per attività svolte all’interno del locale ma per i legami di parentela tra i soci delle due aziende proprietarie dei locali con la famiglia del boss Franco Coco Trovato.

Nella lente d’ingrandimento della Dia (Direnzione investigativa antimafia) di Milano e della Questura di Lecco era finita nell’agosto dell’anno scorso la cessione dell’attività da parte della società Laureande srl del ristorante Chakra e l’avvio dell’attività da parte della Cadorna 20 srl, che si era costituita nel mese di agosto del 2016. Un cambio di gestione che negli inquirenti aveva ingenerato sospetti in base “ai requisiti in capo ad alcuni soggetti titolari dell’esercizio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare