Il superticket regionale, dimezzato da febbraio

Il superticket regionale, dimezzato da febbraio

Si tratta di una manovra che, in base ai dati forniti dalla Regione, comporta un risparmio per 1,5 milioni di cittadini, ovvero almeno uno su due di quelli non esentati.

Il valore della misura è, secondo le prime stime, di 25 milioni di euro. «Il ticket sanitario passerà così da un massimo di 30 euro ad uno di 15 - la spiegazione dell’assessore al Welafr Giulio Gallera -. Il costo massimo del ticket sarà quindi di 36 (ticket nazionale) più 15, ovvero 51 euro e non più 66 euro. Così facendo nel complesso il superticket (modulato in base alle prestazioni) mediamente pagato per ricetta sarà su base regionale di 7,8 euro invece di 10».

Il taglio è lineare, vale per tutti i 3 milioni e 714.854 lombardi non esenti (su 7 milioni e 879.589 assistiti), indipendentemente dal reddito (a differenza di altre regioni, come l’Emilia, dove sono applicate politiche considerate più eque dal punto di vista sociale): tra questi chi si sottopone a esami costosi è appunto, secondo il Pirellone, un milione e mezzo di pazienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA