Il folle “gioco” della Balena Blu  Due casi anche nell’Erbese
Un posto di blocco dei carabinieri. Ai militari si sono rivolti i genitori delle due ragazzine

Il folle “gioco” della Balena Blu

Due casi anche nell’Erbese

L’allarme dei genitori dopo avere visto i tagli sulle braccia delle figlie. L’intervento dei carabinieri che sono risaliti fino al “contatto” di Trieste

Sta diventando un vero e proprio incubo per le famiglie e per i ragazzini. Si chiama “Blue Whale”, Balena Blu,. ed è un “gioco”, se così si può definire, che porta chi lo pratica fino alle estreme conseguenze. Dalle prime azioni di autolesionismo con i tagli sulle braccia fino alla conclusione del percorso lungo 50 tappe in altrettanti giorni che culmina con la morte del “giocatore”; sarebbero oltre 150 le giovanissime vittime di questo folle gioco che arriva dalla Russia e attraversa i social.

Due mamme di due ragazze che frequentano le Medie nell’Erbese si sono accorte delle ferite sulle braccia delle figlie e hanno chiesto aiuto ai carabinieri che hanno avviato le indagini fino a risalire al “contatto” che le due avevano aperto con una coetanea di Trieste, che le “guidava” via internet.

Servizio su La Provincia in edicola venerdì 26 maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (19) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
giuseppe pagano scrive: 27-05-2017 - 19:43h
Faccio fatica a credere a quel numero esagerato di suicidi. Per me si sta anche un po'... "costruendo" la notizia.
davide rossi scrive: 27-05-2017 - 15:28h
Qui si va oltre si confonde il progresso con l'alienazione. È come dire che l'auto va inserita nell'elenco delle armi di distruzione di massa.
alessandro ul laghe scrive: 27-05-2017 - 12:28h
tornare a lavorare la terra per mangiare... così si capisce il valore delle comodità e della attuale società. Spalare letame dalle stalle e buttarlo nei campi.... raccogliere a mano e costruirsi la casa da soli... diverremmo troppo intelligenti? ma forse coi computer diventano intelligenti?
Robert Spungiròò scrive: 27-05-2017 - 10:08h
Questo gioco purtroppo non è novo...chi non si ricorda le sfide assurde che alcuni facevano negli anni '90 tipo sdraiarsi in mezzo alle corsie dell'autostrada? chi non si ricorda che negli anni '80 c'era chi faceva a gara in moto a correre verso un muro di cinta frenando all'ultimo e vinceva chi si avvicinava di più al muto senza picchiarci contro? Oggi c'è il web e gli effetti e le prove di questi giochi assurdi sono ingigantiti all'ennesima potenza. Con tutto quello che ne consegue. Per porre rimedio bisognerebbe che tutto, dico tutto, rallentasse e si ricominciasse a non volere tutto e prima di subito, a seguire modelli e stili di vita completamente sbagliati del tipo "tutto scarpe e telefonino"...ma questo è un compito che spetta in primis a coloro che per questi ragazzi sono l'ispirazione...scuola, genitori, società...tutta la baracca, in poche parole. Altrimenti, saremo qui a piangere ancora tante volte sulle bare bianche o su banchi di scuola tristemente vuoti...
Vedi tutti i commenti