Grosotto, l’«abuso edilizio» della cinciallegra

Grosotto, l’«abuso edilizio» della cinciallegra

La cassetta portalettere è stata trasformata in un nido.

Nella cassetta della posta del commerciante Mauro Osmetti, in via Molini a Grosotto, ora non si attende solamente la corrispondenza, ma, soprattutto, che si schiudano le uova depositate da un uccellino. La cassetta portalettere è stata trasformata in un nido. «Un abuso edilizio», l’ha simpaticamente definito il padrone di casa. «Entra dalla fessura della corrispondenza: dapprima ha messo erba e poi ha aggiunto il muschio e deposto le uova - spiega Osmetti -. Non abbiamo mai visto mentre costruiva il nido».

Ma l’esperto Mauro Bagiolo, che vince titoli in gare nazionali, non ha dubbi: «È il nido di una cinciallegra con muschio e peluria. Le uova stanno in incubazione 13 giorni, gli uccellini resteranno nel nido una quindicina di giorni. Per non creare danni, la corrispondenza non andrebbe inserita». Non era una cassetta abbandonata: il postino ha continuato puntualmente a inserirvi la corrispondenza. «Sono sempre più rari i buchi nelle case vecchie, nei quali le cinciallegre amano nidificare e quindi hanno preso l’abitudine di utilizzare la cassetta della posta», rivela Bagiolo. Evidentemente la cinciallegra ha ritenuto la cassetta un luogo ideale per proteggere i suoi piccoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare