Finalmente venduto l’ex Provveditorato

Finalmente venduto l’ex Provveditorato

Nelle casse del Comune arriveranno due milioni e 760mila euro, più la costruzione di un parcheggio pubblico interrato.

Ad annunciare la vendita del complesso di via Nazario Sauro ad una ditta legata alla Segesta, la società che lo scorso anno si era fatta avanti per acquistare l’edificio e realizzarvi alloggi protetti per gli anziani il sindaco Alcide Molteni, illustrando tempi e modalità di un’operazione di cui si parlava ormai da tempo.

«Abbiamo deliberato la vendita alla Linus, una srl in stretta relazione con Segesta, che fa parte del gruppo internazionale Korian - ha spiegato il sindaco -. Nel luglio 2016 la società aveva manifestato il suo interesse per l’acquisto e di lì abbiamo raggiunto alcuni punti caratterizzanti per un intervento a destinazione socio-assistenziale. La proposta ufficiale della Segesta è stata formalizzata il 21 luglio e ora con la delibera abbiamo stabilito la cessione».

A scandire il passaggio di proprietà saranno diverse tappe, nei prossimi mesi: «Un primo versamento di 500mila euro verrà eseguito entro dieci giorni dopo l’aggiudicazione provvisoria dell’edificio - ha spiegato il sindaco -, che verrà effettuata con una determina. Entro il 30 novembre, poi, la società presenterà il progetto di recupero dell’area, con la relativa bozza di convenzione con il Comune. Il saldo di due milioni e 260mila euro avverrà all’atto notarile che verrà perfezionato entro il 30 aprile 2018, contestualmente alla consegna degli immobili. Per quella data si ritiene che la società potrà avviare i lavori».

Di qui ad aprile, dunque, il Comune ristrutturerà l’ex mensa sociale del lungo Mallero perché possa accogliere la Civica scuola di musica, come programmato nei mesi scorsi in caso di vendita dell’ex Provveditorato, e concorderà una nuova sistemazione anche con l’altra associazione che attualmente utilizza gli spazi dello stabile, il coro Desdacia Tellini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare