Evento speciale Trofeo Vanoni   Sabato 12 pagine in omaggio   per celebrare i 60 anni della mitica corsa
La copertina dello speciale sul Trofeo Vanoni

Evento speciale Trofeo Vanoni

Sabato 12 pagine in omaggio

per celebrare i 60 anni della mitica corsa

Il Trofeo Vanoni è la storia della corsa in montagna, la storia di una passione, la storia di amicizie nate sui campi gara, la storia di un gemellaggio tra Morbegno e Llanberis. È la storia di un gruppo sportivo, che da 60 anni trasforma Morbegno nella capitale della corsa in montagna coinvolgendo tutta la città.

Storie, programma, grafici, aneddoti, numeri e pronostici. Una cavalcata nel tempo per raccontare come Morbegno vive il Trofeo Vanoni, storico appuntamento di corsa in montagna a staffetta in programma domenica 22 ottobre. L’atmosfera magica del “Mondiale delle foglie morte” ha già invaso da giorni le vie e i sentieri della città della Bassa Valle. In vista della super gara, sono comparse nel centro cittadino le bandiere tricolore, nelle vetrine sono stati esposti i numerosi premi e i volontari del Csi hanno completamente nastrato e segnato il percorso. Atleti e appassionati testano gambe e condizione sulla Via Priula.

Per celebrare questo vero e proprio evento, che richiamerà a Morbegno 1.200 atleti e tantissime squadre, domani - sabato - sarà distribuito in omaggio insieme al quotidiano “la Provincia di Sondrio” e al settimanale uno speciale di 12 pagine con i protagonisti di questa corsa. Evento di caratura internazionale, il Vanoni tornerà a essere prova unica di campionato italiano a staffetta. Un importante riconoscimento da parte della Fidal che ha voluto premiare lo staff del Csi portando nella città del Bitto l’ultimo vero appuntamento clou della stagione.

Il Trofeo Vanoni è la storia della corsa in montagna, la storia di una passione, la storia di amicizie nate sui campi gara, la storia di un gemellaggio tra Morbegno e Llanberis. È la storia di un gruppo sportivo, che da 60 anni trasforma Morbegno nella capitale della corsa in montagna coinvolgendo tutta la città.

Il programma di questa due giorni è a dir poco intenso. Sabato pomeriggio alle 15 si partirà con il convegno “Relazionarsi con i giovani sportivi da genitore e da allenatore” (sala conferenze Museo civico di Storia Naturale). A seguire, dalle 16,30 alle 19,30, presso la segreteria (Sala Marchesini in via Capuccini), sarà possibile ritirare i pettorali. Alle 17 il ritrovo in piazza Sant’Antonio di tutte le nazioni e atleti presenti al Vanoni. Alle 17,30 partirà poi la sfilata fino al monumento ai Caduti per la deposizione della corona di alloro. Il corteo proseguirà verso la collegiata di San Giovanni dove alle 18 verrà celebrata la Santa Messa. Domani alle 8,30 il via del Minivanoni, alle 10,30 tocca ai team del Vanoni femminile, alle 14 la partenza dei primi frazionisti del 60° Trofeo Vanoni e alle 17,30 le premiazioni nella sala Ipogea nel complesso di San Giuseppe in via V Alpini. Buona lettura a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA