«Diamo insieme un futuro alle terme»  Val Masino, arriva il presidente Maroni
Le terme in una foto d’archivio: sono chiuse ormai da due anni

«Diamo insieme un futuro alle terme»

Val Masino, arriva il presidente Maroni

Il 15 giugno incontrerà gli abitanti. L’impianto è chiuso ormai da due anni

Borromini: «Una situazione inaccettabile per lo sviluppo del paese in chiave turistica»

Da oltre due anni ha chiuso i battenti, ha provocato scontri fra proprietari e amministrazione comunale, le preoccupazioni di turisti e residenti che da due anni chiedono interventi pubblici per riattivarla.

È la stazione termale dei Bagni Masino che, dopo le alterne vicende che ne hanno decretato lo stop in termini di fruizione e attività imprenditoriale, oggi attira l’attenzione della Regione. Il 15 giugno infatti il presidente Roberto Maroni sarà in Val Masino per incontrare gli abitanti e affrontare la delicata questione.

. «Due anni di chiusura sono un tempo troppo lungo per una delle più importanti risorse della Val Masino, una situazione inaccettabile per chi si è impegnato per lo sviluppo del paese in chiave turistica. C’è la necessità di confrontarsi con altri enti, di valutare le opportunità di finanziamento per interventi non più prorogabili, di collaborare fra pubblico e privato per risolvere la situazione» afferma il presidente della Comunità montana di Morbegno Christian Borromini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA