Delebio, la festa dello sport premia gli atleti: campioni e promesse
Alessandro Bertola, campione di bike trial e la giovane campionessa di ritmica Arianna Scaramella

Delebio, la festa dello sport premia gli atleti: campioni e promesse

Sabato sera promossa dall’Unione sportiva. New entry Arianna Scaramella, ginnastica ritmica. A 12 anni è campionessa italiana categoria Joy.

Delebio festeggia i suoi campioni. Giovani, giovanissimi come Arianna Scaramella, 12 anni, campionessa nazionale di ginnastica ritmica categoria Joy, cresciuta nel vivaio dell’Asd Vera. Qui hanno mosso i loro primi passi anche l’ardennese Camilla Patriarca, quarta alle Olimpiadi di Rio nell’estate del 2016 e la campionessa italiana in carica, la talamonese Veronica Bertolini.

E il sogno di Arianna, come si conviene per un’atleta emergente, è quello di arrivare un giorno fino alle Olimpiadi, emulando le grandi di questa disciplina, ancora poco conosciuta e seguita in Italia, nonostante gli altissimi livelli raggiunti dalle ginnaste azzurre. L’Unione sportiva di Delebio e il Comune, sabato sera, durante la festa dello sport ha premiato anche il cinque volte campione italiano di Bike Trial Alessandro Bertola, fuoriclasse del ’94 che si appresta a partire per i mondiali in Cina. E a completare il terzetto non poteva esserci che il talentuoso gigante buono Massimo Ceciliani, il rugbysta che ha bruciato tutte le tappe, come amano dire i sostenitori delebiesi, arrivato alla nazionale under 20, ma che sogna di indossare la casacca azzurra dei vip della palla ovale. A ritirare il premio i genitori di Massimo, Marco e Antonella, i suoi primi fan, insieme ai tanti amici che sabato hanno partecipato alla serata.

«Vogliamo onorare i nostri atleti, quelli che si sono distinti durante l’anno - ha spiegato il presidente dell’Usd Maurizio Gotti - è una novità che abbiamo un po’ improvvisato, ma il prossimo anno saranno i delebiesi, vedremo con quali modalità, a votare i nomi dei campioni più meritevoli».

Un ringraziamento agli atleti che mantengono alto l’onore del paese in ambito sportivo anche dal sindaco Marco Ioli e il delegato allo Sport Andrea Zappia che hanno consegnato una targa ai tre concittadini e nei prossimi giorni faranno collocare due striscioni, con le foto e i nomi dei campioni, alle porte di Delebio. Un’edizione quella di sabato della festa dello sport guastata, in parte, dalla pioggia. L’organizzazione ha dovuto rinunciare ai giochi all’aperto a causa del maltempo, ma i bambini si sono sfidati al calciobalilla umano nella palestra della scuola, con gran divertimento di tutti. Alla cena circa duecento partecipanti hanno gustato la polenta ben cucinata come sempre dagli Alpini e il contorno preparato dalla Proloco di Delebio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare