Auto senza assicurazione? Non qui
Matteo Berna Nasca, il questore Gerardo Acquaviva, Carlo D’Apolito e Mauro Bradanini alla conferenza stampa di ieri mattina (Foto by foto gianatti)

Auto senza assicurazione? Non qui

Il sistema Mercurio: i dati dell’operazione della polizia: in nessun’altra provincia dei numeri così positivi. Dei 10mila veicoli passati in rassegna, soltanto due erano sprovvisti di copertura. E solo per un ritardo.

Su 10mila auto controllate a Sondrio, soltanto due non avevano l’assicurazione. Oltretutto più che di mancanza vera e propria di contratto, si tratta di due casi di ritardo nel rinnovo. La sanzione prevista dall’articolo 193 del codice della strada scatta comunque, ma di sicuro il panorama valtellinese, sotto il profilo del senso di responsabilità dei proprietari dei veicoli, è tutt’altro che preoccupante.

Al contrario, Sondrio figura al primo posto della classifica delle classifiche più virtuose in base ai dati raccolti dalla Polizia di Stato con la collaborazione delle Polizie locali.

La vasta operazione su scala nazionale nella quale sono stati effettuati i controlli è della settimana scorsa e nella conferenza stampa di ieri mattina i vertici della Questura e della Polizia locale sondriese hanno reso noti i dati raccolti ed elaborati.

L’iniziativa è stata chiamata “Mercurio Eye Insurance” dal nome della piattaforma tecnologica che consente alle forze dell’ordine di effettuare tutte le verifiche sulle auto semplicemente dalla foto della loro targa. In Italia sono stati 400mila autoveicoli controllati sotto la regia della Direzione Centrale Anticrimine e della Direzione Centrale delle Specialità della Polizia di Stato in collaborazione con l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici. Lo scopo? Combattere i fenomeni di pirateria stradale, specie quelli che vedono come protagonisti le cosiddette auto fantasma, quelle il cui proprietario non è in grado garantire il pagamento dei danni.

L’impiego del sistema Mercurio è una novità non da poco: grazie al collegamento alla banca dati dell’Ania (l’Associanzione Nazionale delle Imprese Assicuratrici) permette agli appartenenti alle forze dell’ordine di effettuare controlli in tempo reale, senza neanche interrompere il servizio di pattuglia.

Illustrando la situazione sondriese, il questore Gerardo Acquaviva ha parlato apertamente di «situazione virtuosa, frutto anche del perfetto coordinamento tra le forze dell’ordine che operano sul territorio».

Al tavolo dei relatori c’erano anche i dirigenti Matteo Berna Nasca della Volante e Carlo D’Apolito della Stradale, oltre al comandante della Polizia locale Mauro Bradanini. Unanime la soddisfazione per una situazione che colloca la nostra provincia ai vertici della graduatoria nazionale. In totale, nell’ambito dei controlli in provincia di Sondrio, sono state elevate 34 contravvenzioni, 32 delle quali per mancata revisione del veicolo entro i termini previsti o per altre violazioni minori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA