Asfalto e illuminazione sulla 38  Passi avanti per la nuova statale
La chiusura del cantiere, prevista per dicembre, rischia di essere rinviata a maggio dell’anno prossimo

Asfalto e illuminazione sulla 38

Passi avanti per la nuova statale

Il cantiere in Bassa Valle: nei tratti in superficie si sono visti macchinari e uomini al lavoro. Luce e impianto antincendio nella galleria di Paniga - Slittamento dell’apertura confermato.

Posa dell’asfalto e nuova illuminazione: la nuova statale prende forma. Dopo il periodo estivo di agosto (per la verità lo stop totale delle opere è avvenuto solamente nella giornata di Ferragosto), a settembre il cantiere della nuova 38 ha ripreso a lavorare a pieno regime e gli effetti di un grande intervento che sta impegnando intensamente le maestranze sono visibili in questi giorni a chi transitata sull’attuale statale.

Ieri è incominciata la sistemazione degli asfalti sul tratto in superficie dove si sono visti macchinari e uomini al lavoro. Nel dettaglio, per quanto riguarda il primo tratto iniziale della superstrada è stata ormai completata la piattaforma stradale compresa tra lo svincolo di Cosio e il viadotto di scavalco del fiume Adda (circa 3.4 chilometri). Il tratto iniziale è stato realizzato in rilevato con altezze variabili tra 3 e 8 metri, è stato effettuato il rivestimento delle scarpate con terreno vegetale «ed è praticamente ultimata la fondazione del sottofondo stradale - spiega Francesco Bongio consulente tecnico del Comune di Morbegno -. Ora sono in corso la realizzazione delle opere necessarie per lo smaltimento delle acque di piattaforma e la posa dei cavidotti per l’impiantistica stradale. Durante questo mese di settembre - aggiunge - è previsto l’inizio dell’installazione delle barriere metalliche di sicurezza». Nel secondo tratto in superficie sono in fase di ultimazione il rilevato e i muri di sostegno nel tratto compreso tra il viadotto Tovate e l’imbocco ovest della galleria Paniga.

Per quanto concerne invece lo svincolo di Cosio, si stanno completando le piste di accelerazione e decelerazione (in direzione da e per Sondrio), mentre per la deviazione della strada provinciale provinciale 4 direzione Cosio-Traona si attende il benestare della Provincia.

Sull’area in zona Tartano si sta creando lo svincolo di fine lotto con l’annessa rotatoria, compresi gli allacciamenti alla viabilità ordinaria e la pista di accelerazione per il traffico proveniente da Sondrio in direzione Milano. Novità visibili anche sulla parte in galleria, quella di Paniga, dove, terminato l’impianto antincendio, è stata predisposta anche l’illuminazione e sono state posizionate le barriere laterali tipo New-Jersey.

Resta confermato lo slittamento dell’apertura al traffico della nuova statale 38: a causa dello stop di oltre sei mesi ai lavori nel cunicolo della galleria Selvapiana, la chiusura del cantiere, prevista inizialmente per il mese dicembre, rischia di essere rinviata a maggio dell’anno prossimo.

Lo ha confermato proprio Bongio, che di consueto si preoccupa di aggiornare Comune e cittadini sullo stato dell’arte dell’importante infrastruttura viaria di Anas.

© RIPRODUZIONE RISERVATA