Al Corvatsch riapre l’ impianto  Da novembre ci sarà lavoro
La skiarea del Diavolezza in Svizzera

Al Corvatsch riapre l’ impianto

Da novembre ci sarà lavoro

Chiavenna, l’area sciistica dell’Engadina richiama i frontalieri per la gestione delle piste e gli alberghi.

La stagione sciistica si avvicina e, dopo la notizia della riapertura della strada cantonale 24 ore su 24, dalla Svizzera arrivano le informazioni relative alle iniziative turistiche degli ultimi mesi dell’anno. Al Diavolezza l’apertura della stagione è in programma per il 21 ottobre. Gli impianti del Corvatsch inizieranno la propria attività nella giornata del 25 novembre. Poi dal 20 dicembre toccherà al Furtschellas.

La stagione invernale delle Snow night, che permette agli sciatori di scendere dalla pista illuminata più lunga della Svizzera, prenderà il via con l’inaugurazione dell’8 dicembre. Si tratta di aree sciistiche importanti per l’Engadina, ma anche per le ricadute positive sulla Valchiavenna.

Da un lato, infatti, il flusso di clienti diretti a Sankt Moritz e dintorni è fondamentale per l’economia della valle della Mera, soprattutto nei weekend e nei periodi di festa. Dall’altro non vanno dimenticati i numeri legati al lavoro. Le due attività economiche principali - impianti di risalita e gastronomia - occupano sul Corvatsch (i dati sono relativi alla passata stagione) in inverno rispettivamente circa 170 persone e circa 65. In estate l’organico si riduce del 55 per cento circa. Più del 60% dei collaboratori è di nazionalità italiana. Su Diavolezza e Lagalb lavorano in inverno circa 34 persone negli impianti di risalita, in estate sono 24. Nella gastronomia sono occupate dalle 35 alle 28 persone. Nei settori di marketing e amministrazione i dipendenti sono 15. La Corvatsch Ag e Diavolezza Lagalb Ag trasportano circa mezzo milione di ospiti all’anno.

Le due aziende partner realizzano insieme un giro d’affari compreso tra 24 e 25 milioni di franchi. Due terzi del totale derivano dal Corvatsch, poco meno di un terzo da Diavolezza e Lagalb insieme. Per ulteriori informazioni ci sono i siti internet www.corvatsch.ch e www.diavolezza.ch.

© RIPRODUZIONE RISERVATA